Incentivi ed ECOBONUS

The house in human hands

Nel primo post di questo Blog ho voluto chiarire che i ‘pungoli’ abbracciano più ambiti, non solo quelli economici. Per questo non possono essere assimilati agli incentivi, che hanno un’accezione notoriamente economica. Questi ultimi, però, sono una sottocategoria del più vasto insieme di ‘spinte gentili’.

Il 4 giugno scorso, il governo Letta ha prorogato il decreto-legge n.63 ( in vigore dal 6 giugno) che fissa gli “ecobonus” e le agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie. Fino al 31 dicembre prossimo sarà possibile, per chi intende compiere dei lavori di manutenzione edilizia, ottenere il 50% di detrazione fiscale sulle spese fatte. Si parla del 65%, invece, per chi effettua dei lavori finalizzati a un risparmio energetico (i cosiddetti ecobonus). Qui trovate un articolo del Corriere della Sera.it allo stesso tempo divulgativo e molto preciso sui tempi e i modi per usufruire dei bonus, mentre qui potete trovare il decreto di riferimento.

Mettendo da parte le ristrutturazioni edilizie tout court, mi interesso ora in particolare agli ecobonus. Già di per sé, gli ecobonus sono dei veri e propri incentivi, l’innalzamento poi del loro valore dal 55% al 65% può essere considerato un pungolo. Essi, infatti, hanno una tripla funzionalità:

1) sensibilizzare le persone al tema del sostegno ambientale

2) invogliare i cittadini a compiere dei lavori nelle proprie case che determinino un risparmio energetico

3) migliorare la qualità della nostra aria e del nostro ambiente

Alcuni dei lavori interessati da questa categoria di bonus fiscali sono: l’installazione di pannelli per l’acqua calda alimentati da energia solare; gli impianti di climatizzazione a condensazione; i lavori d’isolamento delle pareti o la coibentazione dei sottotetti che impedisce la dispersione termica; l’installazione di finestre e infissi che aumentano l’efficienza energetica dell’abitazione. Sono poi previsti bonus specifici ai lavori di manutenzione dei palazzi stessi, oltre a quelli per le abitazioni private.

In Gran Bretagna, qualche anno fa, l’amministrazione Cameron ha proposto un’iniziativa simile (qui il sito ufficiale del governo), in cui metteva a disposizione delle agevolazioni fiscali per coloro che avessero messo i pannelli solari alle proprie abitazioni. Dal momento che pochissimi usufruivano di questi incentivi fiscali per isolare le proprie case e ridurre il consumo energetico, si è creata una commissione di ricerca finalizzata a comprendere i motivi di questa reticenza. A studi fatti, si è scoperto che l’idea della fatica che comportava sgomberare la soffitta per far spazio agli operai era più forte della volontà di ristrutturare casa (o forse ha giocato semplicemente la giustificata convinzione che in Gran Bretagna non c’è mai il sole, per cui con i pannelli solari non si avrebbe più avuto l’acqua calda..).

Fatto sta che da quando le imprese d’isolamento edilizio hanno cominciato a offrire gratuitamente il servizio di pulizia della soffitta e rimessa in ordine di essa dopo i lavori, il numero di usufruenti è triplicato.

In Behavioural Law questo fenomeno è chiamato “Goal Substitution”, ossia lo spostamento dell’attenzione dei destinatari del provvedimento dall’obiettivo finale (nel nostro caso, il risparmio energetico) a un elemento circostante un po’ più attraente (non faccio nessuna fatica e in più ottengo un’agevolazione fiscale per i lavori che mi prometto di fare in casa).

L’isolamento delle pareti e dei sottotetti, la sostituzione di finestre e infissi, il montaggio di un impianto di climatizzazione sono tutti lavori che significano inutilizzabilità dei locali interessati, operai in casa, polvere e spesso reimbiancatura delle pareti.

Il governo Letta ha preso in considerazione questi elementi? Forse, insieme a una proroga, sarebbe stato utile affiancare un servizio aggiuntivo gratuito d’imbiancatura degli ambienti interessati successiva ai lavori. Chissà. A fine anno, la stima.

Advertisements

One thought on “Incentivi ed ECOBONUS

  1. Pingback: Libri e sconti fiscali | BehaviuoralLaw Blog

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s