Adolescenti e Alcol

alcol

Come accennato alla fine dello scorso post (La forza del Conformismo), in questo articolo riporto un ulteriore esempio sull’importanza delle consuetudini sociali.

Nel 2000 la Harvard School Public Health ha condotto un’indagine sull’abuso di alcol tra i liceali. L’indagine ha rilevato che circa il 44% degli studenti aveva bevuto in maniera eccessiva nelle due settimane precedenti l’inizio della ricerca. Secondo i ricercatori questo problema è dovuto ad un errore di percezione, cioè che la maggior parte degli studenti è convinta che l’abuso di alcol è molto più diffuso di quanto non sia in realtà.

Causa di questo errore di percezione è la cosiddetta “euristica della disponibilità”: è facile ricordare i casi di consumo smodato di alcol, e questo fa gonfiare la percezione sugli effettivi casi di ubriacatura adolescenziale. In altre parole, gli studenti di liceo sono influenzati da quello che pensano siano i comportamenti dei loro pari. Perciò, se sopravvalutano il consumo di bevande alcoliche dei coetanei, tenderanno ad aumentare il proprio (questo lo studio in questione).

In Montana, la corretta presentazione dei dati statistici ha reso possibile la riduzione del consumo di bevande alcoliche tra i giovanissimi. Nel 2005 è stata, infatti, lanciata una campagna di sensibilizzazione (a chi è interessato è questa qui: Linkenbach, Jeff and H. Wesley Perkins, Montana’s MOST of Us® Don’t Drink and Drive Campaign: A Social Norms Strategy to Reduce Impaired Driving Among 21-to-34Year-Olds) con la quale i funzionari pubblici hanno cercato di correggere le percezioni sulle abitudini di consumo nei campus dei licei. In una pubblicità veniva chiarito che “La maggior parte – l’81% – degli studenti del Montana beve non più di 4 dosi di alcol la settimana”. Non volendosi accontentare, è stato anche comunicato che “La maggior parte – il 70% – degli adolescenti del montana non fuma”.

Questa strategia è servita a migliorare notevolmente l’accuratezza delle percezioni sociali e ha ridotto il consumo di alcol e sigarette in misura statisticamente significativa (sempre qui i dati).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s